Studio Tecnico Di Gregorio Roberto


Vai ai contenuti

lettere e altre

novità - cultura

Tra i tanti balzelli che sfilano soldi dalle tasche delle famiglie anche la Provincia ne ha sicuramente uno.

Quando si fa la manutenzione della caldaia, obbligatoria ogni due anni, bisogna comunicarlo alla Provincia, ma non aggratisse, bisogna farlo pagando un bollettino di 9 euro e spedendo la relativa certificazione (quindi più il costo dello stesso bollettino, la spedizione della lettera ecc. ecc.).

Se non si fa questa procedura e ti arriva il controllo (arriva perché a loro risulta CHE ESISTI ma non gli risulta la comunicazione), ti fanno una bella multarella di 90 euro (diconsi "novanta" euro).

Beh, per i nostri politici 90 euro non sono una somma da impensierire. Invece per chi vive onestamente e senza i loro privilegi la suddetta somma è sicuramente importante.

Credo che di questo passo l’antipolitica non si fermerà più e il rischio è l'allontanamento sempre maggiore dai partiti, che invece dovrebbero essere fondamentali per il funzionamento delle Istituzioni e della Democrazia.


________________________________________________________________________________________________________________________

Semplificare eliminando qualche semplificazione precedente?


Una delle precedenti “semplificazioni” è stata quella che il cittadino deve consegnare tutta la pratica edilizia al Comune e poi il Comune pensa alla consegna del progetto antisismico alla Regione, di autorizzazione ambientale al corrispondente Ministero e così via.
Il risultato è stato
che il cittadino, tranne qualche rara eccezione, deve sempre recarsi personalmente alla Regione e/o al Ministero, ma in più deve prima depositare i progetti al Comune e poi farsi fare la delega dal Comune per andare a compiere gli stessi “giri” di prima.
Non sarebbe ancora la fine del Mondo se uno potesse andare sempre nei vari uffici, cominciando da quelli del Comune (mi riferisco anche a quelli circostanti), per l’appunto, e avere una risposta immediata, ma non è così. Trovi il Protocollo che funziona solo dalle 9 alle 12 (quando tutto va bene e l’impiegato è presente),
l’ufficio tecnico che riceve solo mezza giornata a settimana...

Forse, allora, la più grande semplificazione da fare dovrebbe essere quella di far funzionare finalmente le varie amministrazioni pubbliche.

Guadagneremmo sicuramente tanto PIL se il cittadino potesse andare avanti spedito, anziché perdere mesi, se non anni (**), costretto ad un continuo e infinito gioco dell’oca.


(**) In zone con i vincoli paesaggistici tra la presentazione del progetto e il ritiro del Permesso passano anche due anni....

________________________________________________________________________________________________________________________


Tentando di salire sul treno degli studenti

Temevo di essere diventato troppo intransigente nel sottolineare come ormai i ragazzi siano privi di educazione.
Pensavo di essere diventato un quarantenne precocemente brontolone ma stamattina sul treno dei pendolari alla stazione di Arcore sul quale con altre centinaia di persone cerco di farmi largo nel muro di liceali che ciondolano sui predellini delle porte, una donna esasperata ha chiesto a una ragazzina di spostarsi e quella, senza fare una piega, ha tolto un auricolare per rispondere: "Oh, sta calma eh!" senza schiodarsi di un millimetro. Se poi riesci ad entrare i ragazzi ti guardano dal sedile, dove spesso stravaccati occupano due posti, con un candore invidiabile, come se guardassero un televisore spento. Buttano un'occhiata allo zaino, una allo sventurato che sta arrancando per sistemarsi, poi tornano sereni a ascoltare l'iPod. Mi ricordano certe auto parcheggiate in seconda fila (quando va bene) di alcuni miei coetanei. Si irritano se fai loro notare che sono la causa di una coda di centinaia di metri: loro sorseggiano intanto il loro cappuccio al bar, qual è il problema? Il problema forse è che quei ragazzi sono figli di questi automobilisti.

Stefano F. 2/2/2010



________________________________________________________________________________________________________________________

Quelli che dicono "i politici sono tutti ladri"

Mi capita spesso, come a tanti, di confrontarmi con la svariata umanità che mi sta attorno e il discorso cade sempre in politica. Dalla mia microindagine senza nessuna pretesa con persone di diversa età, cultura, estrazione sociale, emerge un quadro desolante. Il messaggio che passa dai media e che viene poi riproposto dai più è che: 1) i politici sono tutti ladri; 2) i politici sono tutti uguali. Ergo: andare a votare non cambia nulla. Cerco di ribellarmi affermando che qualche partito è quantomeno ladro di altri e che non si può generalizzare; che il sistema comunque va riformato e i privilegi della casta vanno rivisti e ridimensionati, pena il ritorno dell'uomo forte che ultimamente sento sempre più invocare. Ma hai voglia dire che è meglio una democrazia imperfetta a una "buona" (?) dittatura. Hai voglia dire che non si barattano le strade pulite e i treni in orario con la libertà!

Giuliano S. 25/06/2010

Riporto stralci una corrispondenza di Augias.....

Di "frasi storiche" ne abbiamo imparate parecchie a scuola. «Il dado è tratto», «Anche tu Bruto, figlio mio». «Vile tu uccidi un uomo morto».
Napoleone: «Dio me l'ha data e guai a chi me la tocca». Enrico IV: «Parigi vai bene una messa». Il Risorgimento: «Obbedisco», «Qui si fa l'Italia o si muore», «O Roma o morte», «Tiremm' innanz», «Gran Dio benedite l'Italia!», «Libera chiesa in libero stato". Il predappiano ne sparava a mitraglia, alcune di spaventosa ovvietà: «Chi non è con noi è contro di noi», «O fassismo o aritifassismo», «Noi siamo contro la vita comoda», «Noi tireremo diritto».
Durante la prima Repubblica, si va sul concreto: «A' Fra' che te serve», «Il potere logora chi non ce l'ha». Oggi: «L'Italia è il paese che amo», «Aspettami sul lettone di Putin», «Cara Boniver, bonazza nostra, noi siamo sempre armati di manico», «il tricolore lo metta al cesso, signora», e il famoso remake del «Ghe pensi mi» del grande Tino Scotti.
L'ultima, che forse resterà nella storia è quella di Denis Verdini: «I soldi, frutto di enormi sacrifici miei e della mia famiglia e dei miei soci». Michele D.L.

Com'è la settimana che s'inizia? «Decisiva». Come sono le cifre? «Da capogiro». Com'è l'episodio? «Emblematico». E la spinta? «Propulsiva». Che dichiara l'intervistato? «Non ha dubbi».

La casistica è vasta: la spada di Damocle, le asce di guerra, le tensioni da tagliare con il coltello, gli indizi pesanti come macigni, l'eterna punta dell'iceberg, i panorami mozzafiato, bicchieri mezzi pieni o mezzi vuoti (non s'è mai capito bene) le patate bollenti, i bambini da non gettare con l'acqua sporca, i dialoghi tra sordi, i bastoni in mezzo alle ruote e via dicendo...




Studio Tecnico perito edile Di Gregorio Roberto - Via Salaria Vecchia 129 (Frazione Acquaviva ex 65) 00017 Nerola (Roma) P.I. 00204531008

Home Page | cosa possiamo fare | novità - cultura | storie e storia | dove siamo - immagini | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu